In Progetto Asilo Nido ora: 65

Benvenute in Progetto Asilo Nido


Il sito delle educatrici per condividere e confrontarsi sull'universo degli asili nido!

Contenuti di Progetto Asilo Nido

Disabilità al Nido - Domande - 2

Disabilità al Nido - Domande - 2

In queste schede sono presentate 10 domande sulla disabilità più frequentemente chieste nelle selezioni e nei concorsi per educatore di asilo nido.
Per passare alle 10 domande successive, clicca sul link alla fine dell’articolo.
Tempo da impiegare: max 8 minuti.

Disabilità in concorsi e selezioni per educatore asilo nido

Domande sulla disabilità sono sempre più presenti nei concorsi e selezioni per educatore di asilo nido. Inoltre, gli aspetti sinergici, tipici dell'agire educativo in asilo nido, sono esaltati nell'incontro con un bambino disabile.
Ciò ci ha convinto a proporre una serie di domande specifiche sulla disabilità.

Le domande che seguono sono quasi tutte raccolte da vari concorsi e selezioni per educatore di asilo nido dal 1995 ad oggi; le rimanenti sono state da noi sviluppate.
Per un elenco di sinonimi dei termini abitualmente usati in ambito di asilo nido e per definizioni di concetti particolari, vedi Termini per asilo nido.

Domande su Disabilità

Le seguenti domande possono essere usate sia come quesito a risposta multipla, sia come domanda aperta: basta non cliccarci sopra e non si vedono le possibili risposte!


In base alla Legge-quadro n. 104/1992, l'obiettivo dell'integrazione scolastica della persona handicappata è:


Lo sviluppo delle sue potenzialità nell'apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione
Il conseguimento dei livelli attesi nell'apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione
La riabilitazione e/o l'inserimento nel mondo del lavoro

Risposta:

Lo sviluppo delle sue potenzialità nell'apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione

Accogliere il disagio all’asilo nido significa, da un punto di vista generale:


Favorire l'integrazione del bambino nel contesto educativo
Favorire l'accettazione del bambino nel contesto educativo
Favorire la considerazione del bambino nel contesto educativo

Risposta:

Favorire l'integrazione del bambino nel contesto educativo

Accogliere nell’asilo nido un bambino con disabilità comporta da parte dell'educatrice un atteggiamento di “ascolto attivo” basato su: 


Sull'accettazione delle differenze dell’altro, sulla comprensione dei limiti dell'altro e dei suoi bisogni
Sull'accettazione dell'altro, sulla comprensione dell'altro e dei suoi bisogni
Sull'accettazione dell'altro, sulla comprensione delle incapacità dell'altro e dei suoi bisogni

Risposta:

Sull'accettazione dell'altro, sulla comprensione dell'altro e dei suoi bisogni

Al fine di accogliere e seguire bambini con difficoltà o disabilità, è opportuno che l'asilo nido si doti, al suo interno, di:


Una educatrice di riferimento per il gruppo dei bambini disabili specializzata per le disabilità, con competenze specifiche anche per relazionarsi con eventuali educatrici di sostegno.
Una educatrice di riferimento per il gruppo dei bambini disabili specializzata per le disabilità,con competenze specifiche sia relative alla gestione in piccolo gruppo di bambini disabili sia anche per relazionarsi con eventuali educatrici di sostegno.
Una educatrice specializzata per le disabilità, con competenze specifiche anche per relazionarsi con eventuali educatrici di sostegno

Risposta:

Una educatrice specializzata per le disabilità, con competenze specifiche anche per relazionarsi con eventuali educatrici di sostegno. Questa educatrice può essere anche supporto per le altre educatrici (ad esempio, fornendo consigli pratici per l’integrazione efficace). Non esiste il “gruppo dei disabili”!!!

Al momento dell'inserimento del bambino diversamente abile al nido, l'educatrice deve aiutare i genitori a comprendere che l’asilo nido:


Rappresenta un servizio educativo fonte di importanti esperienze di crescita
Rappresenta un servizio di sostegno per ridurre il disagio della famiglia
Rappresenta un servizio formativo fonte di importanti apprendimenti per la vita

Risposta:

Rappresenta un servizio educativo fonte di importanti esperienze di crescita

Al nido l'educatrice di sostegno costituisce un appoggio a: 


All'intera sezione e non al singolo bambino in difficoltà
Al singolo bambino in difficoltà
Al singolo bambino in difficoltà e alla relativa famiglia

Risposta:

All'intera sezione e non al singolo bambino in difficoltà

All’asilo nido, l'approccio nei confronti dei bambini diversamente abili richiede accordo tra: 


Interventi terapeutici ed educativi
Interventi fisioterapeutici ed educativi
Interventi psicoterapeutici ed educativi

Risposta:

Interventi terapeutici ed educativi

Al nido l'elaborazione del progetto educativo individualizzato del bambino diversamente abile compete a: 


All'equipe delle educatrici
All'educatrice di sostegno
All'educatrice di sostegno in collaborazione con i pediatri e le altre figure professionali che hanno in carico il bambino

Risposta:

All'equipe delle educatrici

Al nido per favorire il raggiungimento di un obiettivo in bambini in condizioni di disagio, si utilizzano strategie:


Individualizzate
Medico-terapeutiche
Uguali a quelle dei bambini non in condizioni di disagio

Risposta:

Individualizzate

Al nido, in caso di bambini che presentino instabilità psicomotoria, è opportuno che l'educatrice proponga:


Attività fisiche e ricreative gratificanti, per offrire uno sbocco all'emotività
Attività fisiche e ricreative gratificanti, per offrire uno sbocco alla motricità repressa
Attività cognitive e ricreative gratificanti, per offrire uno sbocco all'emotività, evitando di far notare al gruppo lo specifico problema di questo bambino

Risposta:

Attività fisiche e ricreative gratificanti, per offrire uno sbocco all'emotività


Se ritenete che una risposta sia errata o incompleta, per favore lasciate un messaggio nel forum o un commento sulla pagina di Progetto Asilo Nido su Facebook. Grazie!

Come usare le domande sulla disabilità

Abbiamo sviluppato queste domande sulla disabilità come aiuto nella preparazione a un concorso o ad una selezione per educatore di asilo nido.
Come per tutte le domande, anche quelle di Progetto Asilo Nido ti sembreranno banali se conosci bene il tema. Quindi, se:

  • impieghi più di 30-45 secondi per leggere e rispondere ad una domanda
  • la domanda ti sembra “difficile” da capire per termini usati e distinzioni proposte

Allora ti consigliamo di rivedere gli argomenti relativi alla disabilità prima di proseguire oltre nel tuo studio.
In bocca al lupo, futura collega educatrice di asilo nido!


Progetto Asilo Nido & Social